Agevolazioni prima casa dopo il Covid-19

Con il Decreto Liquidità 23/2020, il Governo, ha avviato diversi provvedimenti che riguardano la vita di tutti i giorni degli italiani. Tra le novità più interessanti, ha ufficialmente rimandato al 2021, tutte le scadenze riguardanti le agevolazioni prima casa dopo il Covid-19. Chiunque abbia acquistato un’abitazione nel periodo del Coronavirus, non rischia quindi di perdere i vantaggi previsti dalla normativa in corso. Il periodo a cui fa riferimento il decreto parte dal 23 Luglio 2020 e termina il 31 Dicembre 2020.

Le imposte coinvolte sono:

  • l’imposta di registro, (tassa del 2% del valore catastale, che è dovuta nelle compravendite di abitazioni tra privati)
  • l’imposta sul valore aggiunto (tassa del 4% del prezzo, dovuta obbligatoriamente nelle compravendite tra impresa costruttrice a privato)
  • le imposte ipotecaria e catastale (tasse di euro 200,00 l’una, da pagare in caso successione oppure in caso di donazione)

Quali scadenze sono state rimandate?

I rinvii riguardano:

  • Il periodo fissato a 12 mesi in cui bisogna vendere la propria abitazione dopo averne acquistata un’altra con l’agevolazione prima casa.
  • Il termine di 12 mesi in cui chi ha venduto una casa usufruendo dell’agevolazione prima casa, deve comprare un altro immobile.
  • La scadenza di 18 mesi in cui chi ha acquistato un’abitazione, usufruendo dell’agevolazione prima casa, deve trasferirci la propria residenza.

Nel caso in cui i termini stessero già decorrendo verranno congelati nel periodo sopra indicato e riprenderanno direttamente nel 2021.

Il Covid-19 quindi, dopo aver inevitabilmente influenzato il mercato immobiliare, come già scritto in un nostro precedente articolo, influenza anche le scadenze delle agevolazioni prima casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *